I più venduti

Nuovi prodotti

Come riconosco l'oro vero?

Come riconosco l'oro vero?

Ecco i test da fare a casa per scovare le cosiddette “patacche”.


La paura di essere fregati ormai è una costante quotidiana, dalla semplice spesa mattutina alle offerte super vantaggiose che arrivano da ogni lato e da ogni canale comunicativo. Siamo stati allenati inconsciamente alla cultura del sospetto, il che non è un male, a patto che il senso critico non cada nella sragionevolezza.
Aver paura prima di far un qualsiasi acquisto, prima di tirar fuori il portafogli, è una cosa normale. Nel mio campo ancor di più, lo leggo negli occhi dei miei clienti, e caspita se li capisco… perché acquistare oro non è una cosa che si fa tutti i giorni.
Per fortuna l’oro ha una sua purezza che difficilmente si può contraffare, o meglio, ci provano in tanti, ma smascherarli è semplice: bastano un paio di dritte.


Dai un’occhiata al tuo oro
Alcune volte l’oro basta guardarlo. Uno dei fattori indicativi è la variazione di colore, in particolar modo nelle zone di attrito, dove è più facile che avvenga un processo di usura. Se l’oro, o quel che ne resta, sembra venir via, allora vuol dire che il gioiello non è in oro, bensì solo ricoperto. Una bella fregatura.
Altro metodo, decisamente più tecnico, è l’individuazione della punzonatura. La punzonatura indica la purezza dell’oro, che può essere espressa in millesimi o in carati (Kt.).
Tra tutti i metalli preziosi, l'oro è quello dalle caratteristiche più idonee a essere plasmato. Dal momento che l’oro allo stato puro viene fuso con altri metalli in lega, al fine di potenziare la sua
resistenza (malleabilità e duttilità).
Il relativo titolo dell'oro viene quindi stabilito riportando il valore su una base matematica (una scala) che mette in relazione un totale di 24 parti di metallo secondo la quale, per indicare l’oro puro, si utilizza appunto il simbolo 24 Kt.

- 91,6 % di oro puro = 22 Kt. : 22 componenti di oro e 2 componenti di lega;
- 75 % di oro puro = 18 Kt. : 18 componenti di oro e 6 componenti di lega;
- 58,5 % di oro puro = 14 Kt. : 14 componenti di oro e 10 componenti di lega;
- 41,7 % di oro puro = 10 Kt. : 10 componenti di oro e 14 componenti di lega;
- 37,5 % di oro puro = 9 Kt. : 9 componenti di oro e 15 componenti di lega.

Scommetto che hai già preso la lente d’ingrandimento e stai cercando con accuratezza la punzonatura. Non la trovi? I motivi possono essere due:
- il gioiello è molto vecchio e la punzonatura è tanto usurata da essere ormai invisibile;
- il gioiello non è mai stato marchiato, quindi è falso.
Alcune volte la marchiatura può apparire autentica, ma non lo è. Che fare? Proseguire con l’indagine.


Dai un bel morso (roba da film)
Chi non ha mai assaggiato almeno una volta nella propria vita la dolcissima monetina d’oro al cioccolato? Il processo è identico, solo che questa volta non va scartato l’involucro dorato tutt’intorno.
Più l’oro è puro, più sarà evidente il solco lasciato dai propri denti.
Ma così non si danneggia il gioiello?
Domanda del tutto sensata, infatti questo è un metodo rischioso sia per l’incolumità dei propri denti e sia per la conservazione del prezioso, benché il solco lasciato non sarà mai evidente. D’altronde la scena dell’orafo o dell’avventuroso cercatore che morde l’oro per stabilirne la purezza è roba da vecchi film.


Il vero oro non si fa attrarre
Proprio così, il vero oro è scaltro, non si fa conquistare facilmente e non cede alla semplice attrazione; al massimo è lui a catturare l’attenzione e ad attrarre colei o colui che lo indosserà. Se l’oro si fa attrarre, e nello specifico da un magnete, allora non è vero oro.
Niente di più semplice: basta avvicinare un magnete al gioiello sotto esame, se è attratto e si appiccica alla calamita, vuol dire che hai tra le mani una patacca.
Anche questo test non è del tutto esaustivo, in quanto esistono materiali da bigiotteria che si comportano allo stesso modo dell’oro.


Il peso dell’oro
Dopo aver letto tutto starai dicendo: “ok, i test sono tutti molto interessanti, ma nessuno di questi mi dà certezze. Che faccio?”.
Passa in oreficeria. I test alcune volte possono essere rivelatori e altre volte no, ma sono a prescindere una buona base di partenza con la quale orientarsi.
In oreficeria il tuo oro sarà pesato e visionato con maggiore perizia, paragonato con pietra e con acido a seconda della Kt del gioiello in questione. Il verdetto finale, buono o cattivo che sia, uscirà fuori.

Allora? Queste informazioni ti hanno dato qualche certezza in più?
Seguici su Facebook e visita il sito per acquistare i nostri gioielli. 

Leave a Reply

* Name:
* E-mail: (Not Published)
   Website: (Site url withhttp://)
* Comment:
Type Code

PayPal